Creta

Per le sue dimensioni e per la sue testimonianze storiche, Creta offre un'ampia varietà di luoghi di notevole interesse.
Conun'area di oltre 8.000 chilometri quadrati, rappresenta per grandezza la quinta isola del Mediterraneo e la più grande della Grecia. Si divide in tre zone: Creta Occidentale, Orientale e Centrale. La prima è quella meno montuosa poiché maggiormente pianeggiante in cui si elevano le Montagne Bianche e si trovano gole profonde tra cui quelle di Samaria, lunghe 18 km, le più estese d'EuropaIl centro, invece, accoglie tra i più rinomati siti archeologici oltre al capoluogo Heraklion e la pianura di Mesata in cui si coltivano olive e arance. Il nome trae le proprie origini dalla notevole presenza di creta nel paese, utilizzata al fine di costruire vasi e utensili. La costa settentrionale è la prima zona turistica di Creta e quindi densamente popolata, al contrario della costa meridionale, poco abitata, ripida e scoscesa. L'entroterra rappresenta la zona montana dell'isola; tra i massicci montuosi più importanti ricordiamo quello del Monte Ida, il quale supera i 2.000 metri di altezza, del Dikti Oros e del Lefka Ori, la montagna più grande di Creta. Numerose sono le spiagge, meta ambita di molteplici turisti: la spiaggia di Falassarna, situata nella pianura omonima, è una delle migliori di Creta per via delle acque turchesi e per la soffice sabbia dorata; la Pahia Ammos rappresenta una delle spiagge di sabbia più splendide dell'isola greca (addirittura le sue acque sono state incluse nell'elenco delle più pulite). Chi ama la pratica del surf non può perdersi la Paleochora, una lunghissima costa spesso ventosa e circondata da numerosi alberghi, taverne e bar. La spiaggia di Gramvoussa è rimasta sconosciuta per un periodo di tempo abbastanza lungo dal momento che il suo raggiungimento costituiva un problema non da poco (vi si ci accedeva solo tramite barche private o una lunga passeggiata a piedi); un consiglio: visitate questo splendore in primavera!